mamme creative all’appello

mamme creative all'appello

Cari amici, l’Associazione La risposta di Laura e Allegra sta organizzando un nuovo evento che stavolta vede coinvolte le mamme creatrici! Mamme che mettono a disposizione la loro creatività donando uno o più oggetti all’Associazione!
Le creazioni verranno poi vendute per sostenere i bambini dei reparti di oncoematologia pediatrica del Bambin Gesù di Roma.
In tante hanno aderito e confidiamo che tante altre lo faranno!
Se desiderate donarci una o più delle vostre creazioni, contattatemi!

Annunci

Destinazione Malaysia…

20140407-132640.jpg

Quattro giorni al nostro viaggio, il primo grande viaggio con le bimbe.

Tour stabilito, voli comprati, alberghi prenotati. Fatti anche i vaccini, comprate pinne e maschere, e repellente antizanzare.

Mancano ancora le valigie. Ieri sera ho tirato fuori lo scatolone dei vestiti estivi delle bimbe, ed insieme alle magliette ed ai costumi sono usciti fuori i ricordi dell’estate, del caldo e del mare.

L’emozione aumenta, le bimbe fanno il conto alla rovescia. Sanno che andranno in un posto lontano, con cibo e persone diverse. Sanno che vedranno moltissimi animali, che devono comportarsi bene con gli Orangotango e devono cercare i pesci con le maschere e le pinne.

Partiamo giovedi’ sera per Kuala Lumpur, via Amsterdam. Rimaniamo a KL il tempo di fare un’escursione al santuario degli elefanti, alle Batu Caves e se ci scappa anche alle Petronas.

Poi partiamo per le foreste del Borneo, tra le più ricche di biodiversità al mondo ma anche tra le meno esplorate. Noi ci limiteremo a zone fin troppo battute, alla ricerca degli orangotango e delle scimmie con la proboscide. Spostandoci verso la costa, cercheremo le tartarughe in un’isoletta alla robinsoe crusoe…

Esaurito il nostro spirito avventuriero, si ritorna a KL per uno scalo tecnico per poi ripartire per le isole Perhentian, dove ci aspettano spiagge bianche e acqua turchese, ricca di coralli e di un’enorme varietà di specie marine.

E la preparazione diventa parte del viaggio, così come il racconto.

E tu? ci segui?

Tschüss

Biosphäre Potsdam

Un giardino tropicale al chiuso, banani, orchidee e piante di vaniglia. Insetti giganti, ranocchie minuscole, iguane e camaleonti.  Un mondo bellissimo,  a pochi chilometri da Berlino.

Immagine

Ci siamo andati Sabato scorso.  Mi sembrava di essere tornata nella foresta di Zanzibar, e di vedere dal vivo molte creaturine che ispirano i disegnatori della Disney.

Molto interessante anche la stanza delle farfalle, dove puoi vedere tutte le fasi della metamorfosi delle farfalle, da bruco a crisalide per poi diventare una bellissima farfalla!

Immagine

 ecco il link: http://www.biosphaere-potsdam.de

Tschüss

si riparte

Eccomi di nuovo qui. Mille motivi mi hanno allontanato: un lavoro nuovo, un trasloco, le vacanze, la pigrizia, la poca fiducia (in me), la poca voglia di rimettermi in gioco.

Ma… il lavoro ho imparato a gestirlo, il trasloco e’ finito, le vacanze pure finite (almeno fino alle prossime), la pigrizia l’ho cacciata l’altro giorno – aveva veramente esagerato- la fiducia la attendo fiduciosa ed il gioco… il gioco… beh se non giochiamo… che noia…!

Ho deciso però di fare un restyling. Non solo cucito quindi, ma un po’ più di me “a casaccio”.

stay tuned…

tschüss

C’ho un’idea…

Questa cosa del cucito ancora mi stupisce: hai un’idea in testa, fai due schizzetti sul foglio e poi realizzi il tuo progetto. E’ pazzesco.

L’altra sera pensavo che sarebbe stato carino realizzare una borsetta da portare al battesimo di mia nipote (guarda il ps a fine pagina!). Ed allora ho tirato fuori le stoffe e le cose che avevo ed e’ venuta fuori questa borsetta, elementare, ma che fa la sua figurina…

La borsetta misura 15*30, ma ovviamente le misure possono essere cambiate a vostro piacimento…(e qui sta il bello – ognuno fa come vuole!)

borsetta2

per una borsetta cosi’ frecciasu, fate cosi’:frecciagiu

 

1. tagliate un rettangolo di stoffa di 32*42 cm per l’esterno della borsetta (2 cm sono sempre per le cuciture). Tagliate un  rettangolo di egual misura  di  una stoffa che userete come fodera interna.

borsetta42. Piegate al contrario la borsetta e cucire insieme i due lati dei rettangoli  A e B. Ripetete l’operazione anche per il rettangolo di fodera interna.

3. Preparate un nastro  di tessuto di 0.5 cm di spessore  e 1,2 mt di lunghezza (utilizzando quindi una striscia di tessuto di 2 cm che ripiegherete poi in 4 e poi cucirete insieme). Il nastro vi servira’ per la tracolla della borsa, per fissare i due gancetti laterali e per l’asola della borsa.

4. Inserite la borsa esterna nella fodera interna, come in figura. Cucite insieme solo la parte superiore del rettangolo A, e poi rigirate la vostra borsetta, mettendo la fodera all’interno.

borsetta3

5. finite di montare la borsetta, aiutandovi con gli spilli. Piegate verso l’interno l’orlo della fodera. Tagliate 5 cm dal nastro di tessuto e posizionatelo – con l’aiuto di due spilli  – al centro della base del rettangolo C (sara’ la vostra asola). Tagliate poi 2 strisce di 3 cm l’una dal nastrino di tessuto ed infilateci dentro un anellino di metallo. Fissate le due strisce al lato della borsa.   Cucite poi i tre lati del rettangolo C.

borsetta56. preparate la tracolla della borsa, fissando a ciascuna estremita’ del nastrino un grilletto di metallo. Potete anche decidere di fissare direttamente la tracolla alla borsa senza l’aiuto degli anelli di metallo e dei grilletti. In questo caso dovrete cucire la tracolla alla borsa nel momento in cui cucite insieme la parte superiore del rettangolo A (punto 4).

Ed ecco la vostra borsetta. Le dimensioni sono ideali per “gli indispensabili” ( chiavi, telefono e portafogli…”).

ps. il battesimo e’ andato benissimo, Roma e’ sempre bellissima. Qui trovate una foto delle bimbe con i miei vestitini!

Tchüss

l’appetito vien cucendo…

Questo fine settimana che viene scendiamo a Roma per il battesimo della mia bellissima nipotina (YEAH!)

Occasione speciale=Vestito speciale=Vestito fatto da me!

Immagine

E quindi ho preso coraggio ed ho aperto un cartamodello. Dopo averlo studiato in silenzio per circa 10 minuti, ho iniziato a capirci qualcosa. E’ come la settimana enigmistica, devi trovare il disegno giusto in mezzo ad una miriade di linee e lettere. Ma ci si riesce. E cucire con un cartamodello e’ tutta un’altra cosa  mooolto piu’ facile.

Niente tutorial questa volta quindi, ma solo alcune foto della realizzazione. Il vestito e’ semplicissimo da realizzare. Io ho utilizzato un tessuto liberty bellissimo, ma non proprio economico.  Prometto che poi aggiungerò’ foto delle bimbe vestite di tutto punto. In fondo ho aggiunto una foto delle bimbe con i vestitini!

Ed ora corro a fare il secondo vestito!

Immagine

Immagine

Immagine

P1060569

Tschüss

recycling mood

Ve l’avevo detto che questa cosa del riciclare magliette vecchie dava dipendenza…pensate solo a quante magliette dormono nel vostro armadio mentre con un paio di sforbiciate potrebbero  entrare nella pole position delle vostre magliette preferite…

ed allora che aspettate!!! prendete in mano le forbici e scegliete la maglietta giusta…!

 Ho usato il tutorial del  bellissimo blog trash to couture ed in 15-20 minuti (vi assicuro, non di piu’) avevo la mia nuova maglietta. FIKO!

Allora prendete quella maglietta dimenticata e: 

1. Tagliate via il collo. Fate un bel taglio, in modo tale da poterlo lasciare così’, senza cucitura…

2. Tagliate via anche una striscia superiore ed una inferiore di ciascuna manica. Vogliamo qualcosa  più’ “fashion” no? 

3. Ricucite (al rovescio) le maniche. 

4. Partendo da tre quarti della maglietta (in altezza) e lasciando circa 10-15 cm dal bordo (questa misura dipende da quanto e’ MEGA la vostra maglietta) fate una bella arricciatura (verso il basso) piegando il tessuto mano a mano che cucite. 

4. Fate una cucitura che parte dall’arricciatura della vostra maglietta fino al bordo laterale. Cercate di arrivare al bordo in modo graduale. 

5. FINITOOO. Indossatela e stupitevi… 😉

recycling mood 7

 

Tchüss